FOTO STORICHE - LA SEDE DI VIA SAN MAURILIO

...Dalla mia casa di via San Maurilio, nel tempo che vi abitai, vedevo le trasformazioni dei luoghi. Sparivano le botteghe, sostituite dagli uffici. La panetteria dell’angolo diventava una banca. La mia stessa casa, cambiata.

La casa cosiddetta “dell’elefante” perché, in cima allo scalone barocco che portava al piano nobile, si era accolti da una testa di elefante imbalsamata affissa al muro davanti alla porta del Circolo degli Scacchi.

Non era stato sempre solo, l’elefante. Nel grande appartamento dove allora era il Circolo degli Scacchi, e che poi, fu comprato da una signora col nome di una fabbrica di scarpe, prima che io entrassi nella casa era stipata la collezione di trofei di caccia del primo Re d’Italia, Vittorio Emanuele II, famoso cacciatore. Non so perché fossero là quelle spoglie, immagino un turbinare di pulci, un impazzare di salti tra i morti velli e le assi del parquet…
Da "Passaggio della colomba" di Ruggero Savinio.

Tratto dal bell'articolo "la Casa dell'Elefante", scritto da Luca Monti su Soloscacchi.

 

   
Lo scalone
 
La sala azzurra
 
La sala azzurra
         
   
La sala verde   La sala rossa   La sala verde